News

Denuncia dei redditi presso Progetto Assistenza Giaveno Orbassano

Devi fare la denuncia dei redditi ma non hai voglia di perdere tempo e fare la coda?

Rivolgiti alla sezione Sportello dei Cittadini di Giaveno e Orbassano. Ci trovate in piazza Sant'Antero 23 a Giaveno presso Progetto Assistenza oppure tutti i mercoledì dalle 09:00 alle 12:30 presso l'Ortopedia Lab.Or di Orbassano in Via Cavour 4.

  Progetto Assistenza compila il tuo 730 a soli 35 euro comprensivi della tessere associativa, la quale ti da diritto a pratiche fiscali a costi agevolati e alle pratiche di patronato gratuite.

Progetto Assistenza Orbassano

Progetto Assistenza è presente tutti i mercoledì dalle ore 9:00 alle ore 12:30 presso l'Ortopedia LAB.OR. di Orbassano per darvi ogni informazione relativa ai nostri servizi di assistenza domiciliare e ospedaliera, sui servizi infermieristici e fisioterapici, sul servizio badanti, Caf e patronato e molto altro.

Per info chiamate il numero 366 1407 553

MORBO DI ALZHEIMER: FATTORI DI RISCHIO E CURE

Quali sono i fattori di rischio del morbo di Alzheimer?

È ancora sconosciuta la causa effettiva del deterioramento delle cellule cerebrali, sebbene ci siano diversi fattori che si ritiene possano interessare lo sviluppo del morbo di Alzheimer.

Età

L’età è il più evidente fra i fattori di rischio dello sviluppo del morbo di Alzheimer. La probabilità di sviluppare la malattia raddoppia ogni cinque anni dopo il raggiungimento dei 65 anni di età. Tuttavia, non sono solo le persone anziane a essere a rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer.

Pet Therapy: i benefici per gli anziani

La presenza si un animale al fianco di una persona anziana può essere davvero di grandissimo aiuto. Ecco gli esemplari più adatti per questo compito.

La pet therapy per anziani può rappresentare un grandissimo beneficio per seniors con disabilità o disturbi di varia natura, ma la scelta dell’esemplare più adatto è fondamentale per ottenere grandi risultati dalla relazione uomo-animale

INCONTRO DI AGGIORNAMENTO E INFORMAZIONE: IDENTITA' E COSCIENZA DI MALATTIA NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER. 15-11-2016

Presso la filiale Progetto Assistenza di Giaveno si terrà un incontro il 26/11/2016 dalle ore 10 alle ore 12 circa aperto a tutti inerente i seguenti argomenti:

Chi soffre di demenza di Alzheimer conserva per buona parte della sua carriera una coscienza di malattia da completa a parziale.

Programma Sogni d'Oro - Progetto Assistenza-10/11/2016

Progetto Assistenza Giaveno ha attivato, per offrire un servizio a 360 gradi, il Programma " Sogni d'Oro", pensato e studiato per tutti coloro che sofrono d'insonnia quindi per tutte le persone che hanno difficoltà ad addormentarsi, che soffrono di risvegli notturni e stanchezza giornaliera.

La durata del trattamento è di un'ora, durante la quale vengono acquisite ed utilizzate alcune tecniche di respirazione consapevole, massaggio aromaterapico parziale ( schiena o piedi ) con oli essenziali specifici per problematiche legate al rilassamento ed al riposo, Floriterapia ( Fiori di Bach ).

MORBO DI ALZHEIMER:COME PREVENIRLO? - 26/10/2016

Il morbo di Alzheimer, che colpisce soprattutto in età avanzata, potrebbe essere intravisto in via preventiva anche nel cervello dei giovani. Infatti, alcuni studiosi di Cambridge hanno dedotto i punti deboli dell’Alzheimer, sostenendo che da questi si potrebbe riuscire a prevenire la malattia.

Il motivo per cui si arriva a soffrire in età senile di questa malattia è dovuto al fatto che delle proteine, come la beta-amiloide e la tau, arrivano nel cervello. Sembra che le parti più deboli del cervello vengano intaccate da queste proteine, definite tossiche.

Consigli per i famigliari dei malati di demenza senile - 25/08/2016

Anche avvalendosi delle terapie riabilitative disponibili, assicurare un supporto ottimale al malato non è mai facile, perché il progressivo declino cognitivo, con il tempo, determina una condizione di seria invalidità, nella maggior parte dei casi complicata da disturbi comportamentali che possono rendere particolarmente problematica e frustrante l'interazione con il paziente.

Pagine